1 / 23 ◄   ► ◄  1 / 23  ► pause play enlarge slideshow
2 / 23 ◄   ► ◄  2 / 23  ► pause play enlarge slideshow
3 / 23 ◄   ► ◄  3 / 23  ► pause play enlarge slideshow
4 / 23 ◄   ► ◄  4 / 23  ► pause play enlarge slideshow
5 / 23 ◄   ► ◄  5 / 23  ► pause play enlarge slideshow
6 / 23 ◄   ► ◄  6 / 23  ► pause play enlarge slideshow
7 / 23 ◄   ► ◄  7 / 23  ► pause play enlarge slideshow
8 / 23 ◄   ► ◄  8 / 23  ► pause play enlarge slideshow
9 / 23 ◄   ► ◄  9 / 23  ► pause play enlarge slideshow
10 / 23 ◄   ► ◄  10 / 23  ► pause play enlarge slideshow
11 / 23 ◄   ► ◄  11 / 23  ► pause play enlarge slideshow
12 / 23 ◄   ► ◄  12 / 23  ► pause play enlarge slideshow
13 / 23 ◄   ► ◄  13 / 23  ► pause play enlarge slideshow
14 / 23 ◄   ► ◄  14 / 23  ► pause play enlarge slideshow
15 / 23 ◄   ► ◄  15 / 23  ► pause play enlarge slideshow
16 / 23 ◄   ► ◄  16 / 23  ► pause play enlarge slideshow
17 / 23 ◄   ► ◄  17 / 23  ► pause play enlarge slideshow
18 / 23 ◄   ► ◄  18 / 23  ► pause play enlarge slideshow
19 / 23 ◄   ► ◄  19 / 23  ► pause play enlarge slideshow
20 / 23 ◄   ► ◄  20 / 23  ► pause play enlarge slideshow
21 / 23 ◄   ► ◄  21 / 23  ► pause play enlarge slideshow
22 / 23 ◄   ► ◄  22 / 23  ► pause play enlarge slideshow
23 / 23 ◄   ► ◄  23 / 23  ► pause play enlarge slideshow

Magalys Acuña Sánchez

Santiago De Cuba, 2015.

Questo lavoro fotografico vuole principalmente sfatare un luogo comune: l'idea di frivolezza che contraddistingue i racconti sulle donne cubane. E' un retaggio che mi porto dietro da piccola, una sorta di preconcetto. Così, cercando in questa direzione, mi sono ritrovata a scoprire un mondo femminile fatto di tradizioni e famiglia, di condivisione e di amore. Magalys, donna, moglie, madre, lavoratrice, racchiude in sè un esempio di femminilità e sacrificio che sono invece, secondo me, radicate molto profondamente nella cultura cubana. Così non ritroviamo solo una donna sensuale, arrampicatrice, ballerina e quanto altro viene solitamente addebitato alle donne cubane, ma ci ritroviamo di fronte ad una donna che si occupa della famiglia, con amore e con passione, che lavora, che si occupa della casa e che non è affatto diversa dalle donne della nostra società. Ed è della sua quotidianeità e della sua semplice vita che il mio lavoro vuole narrare. Cuba è indubbiamente un luogo molto particolare dove mancano sicuramente ed ancora beni che ormai noi consideriamo primari e dove sicuramente la società ti obbliga a compromessi non semplici, ma non è affatto quel parco giochi che i vacanzieri da villaggio turistico ci raccontano. Vedremo dopo la recente caduta dell'embargo cosa succederà.
loading